Una Biblioteca vale l'altra?

No, le biblioteche non sono tutte uguali: ci sono diversi tipi di biblioteche, che offrono servizi diversi a utenti diversi. Per poterci orientare scegliendo di volta in volta la biblioteca che meglio può soddisfare le nostre necessità di informazione e di studio, ci sarà utile imparare a riconoscerne le caratteristiche e le differenze principali.
biblio062.gif (157 byte)
biblio062b.gif (114 byte)biblio062b.gif (114 byte)biblio062.gif (157 byte)biblio06.gif (198 byte)

Biblioteche comunali o civiche

Sono le biblioteche che dipendono dalle singole amministrazioni comunali, le più diffuse sul territorio, che svolgono capillarmente l’attività di pubblica lettura e di informazione di base. Si tratta di biblioteche generali, che soddisfano le esigenze di chi deve intraprendere una ricerca semplice o accostarsi alla lettura di pubblicazioni recenti. Comprendono di solito anche una sezione cosiddetta locale, che raccoglie la documentazione storica e moderna sull’area del comune di riferimento. Quasi tutte hanno una inoltre una sezione, più o meno ampia, dedicata ai ragazzi.

biblio06b2.gif (159 byte)

Biblioteche pubbliche statali

Si trovano solo in alcune città: a Venezia è statale la Biblioteca Marciana Sono dette anche governative o nazionali, in quanto non dipendono dalle autorità locali, ma dal Ministero per i beni culturali e ambientali., e sono le uniche in Italia ad essere regolamentate da una legge (DPR 5 luglio 1995 n.417). Si tratta di grandi biblioteche dedicate soprattutto alla conservazione della produzione editoriale italiana, generalmente con ampie collezioni storiche. Sono frequentate da studiosi e ricercatori che non possono trovare in altre biblioteche i testi rari o specialistici di cui hanno bisogno.

biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b.gif (198 byte)
biblio062.gif (157 byte)
biblio062b.gif (114 byte)biblio062.gif (157 byte)biblio062.gif (157 byte)biblio06.gif (198 byte) Biblioteche delle Università

Sono biblioteche specializzate, aperte ai docenti e agli studenti di ciascuna Università. Secondo l’organizzazione data dall’Ateneo di appartenenza, possono essere centrali, di dipartimento, di facoltà, di istituto; possono, anche all’interno della stessa Università, avere orari diversi, offrire servizi differenziati o applicare regolamenti particolari.

biblio06b2.gif (159 byte)

Biblioteche scolastiche

Funzionano all’interno delle scuole, a disposizione di allievi e insegnanti. Dovrebbero raccogliere la documentazione e fornire gli strumenti utili per la didattica e lo studio, seguendo la svolgimento dei programmi ed offrendo occasioni di approfondimento; hanno pertanto carattere generale, con eventuali specializzazioni negli istituti superiori in relazione ai diversi indirizzi di studi. Oltre che "biblioteche della scuola" possono essere anche preziose "scuole di biblioteca", educando i ragazzi non solo alla lettura, ma anche all’uso degli strumenti di consultazione e di ricerca propri delle biblioteche.

biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b.gif (198 byte)
biblio062.gif (157 byte)
biblio062.gif (157 byte)biblio06.gif (198 byte) Altre biblioteche

Esistono oltre a queste anche altre biblioteche, di proprietà pubblica o privata o di istituzioni ecclesiastiche. Di solito raccolgono collezioni, storiche o di documentazione corrente, legate agli interessi e all’attività dell’ente di riferimento; hanno quindi per lo più carattere specialistico, e non sempre sono aperte al pubblico. Di proprietà privata ma di uso pubblico e di carattere generale è a Venezia la biblioteca della Fondazione Querini Stampalia.

torna all'indice