Come si fa ad entrare in una biblioteca?

Una volta scelta la biblioteca che fa per voi, dovrete raggiungerla e varcarne il portone. Sarà quindi necessario conoscerne l’indirizzo e magari il numero telefonico, gli orari di apertura, le condizioni di accesso. Se si tratta di una biblioteca del SBMP, troverete tutte queste informazioni nella scheda presente in rete. Anche molte altre biblioteche dispongono di un loro sito Internet dove è possibile conoscerle meglio e spesso anche consultare i cataloghi. Le biblioteche effettuano durante l’anno dei periodi di chiusura per spolveratura e riordino, che non sempre sono segnalati: una telefonata per accertarvi che la vostra visita sia produttiva potrà comunque essere utile.
biblio062.gif (157 byte)
biblio062b.gif (114 byte)biblio062b.gif (114 byte)biblio06.gif (198 byte)

Indirizzi e telefoni

Nell’elenco telefonico le biblioteche di solito si rintracciano in base all’ente di appartenenza. Pertanto una biblioteca comunale andrà cercata sotto la voce "comune" o "municipio", quelle universitarie sotto "università degli studi" e così via; nelle pagine gialle si veda la voce "biblioteche pubbliche e private"

biblio06b2.gif (159 byte)

Orari

Purtroppo gli orari delle biblioteche non sempre corrispondono alla nostra possibilità di frequentarle, e comunque sono spesso legati alla diffusa scarsità di personale. E’ bene informarsi con precisione non solo degli orari di apertura della biblioteca, ma anche di quelli dei singoli servizi (consultazione dei cataloghi, distribuzione, fotocopie, prestito), che potrebbero in qualche caso essere differenziati.

biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b.gif (198 byte)
biblio062.gif (157 byte)
biblio062b.gif (114 byte)biblio062.gif (157 byte)biblio062.gif (157 byte)biblio06.gif (198 byte) Condizioni di accesso

Le condizioni di accesso ai servizi sono stabilite dal regolamento di ogni singola biblioteca, e sono riferite alla tipologia e alle finalità della biblioteca stessa. Ogni biblioteca infatti si rivolge principalmente a un particolare pubblico che costituisce la sua utenza naturale, anche se in taluni casi e a determinate condizioni può essere utilizzata anche da un pubblico più esteso. Così le biblioteche delle Università, oltre ad accogliere docenti e studenti interni a ciascun ateneo, possono fornire i loro servizi anche a ricercatori o studenti esterni o a semplici cittadini; oppure le biblioteche statali o altre biblioteche che prevedono limitazioni di età possono prevedere particolari eccezioni su presentazione di opportuni documenti. Le biblioteche comunali, alle quali l’accesso è libero, possono invece limitare il servizio di prestito ai residenti nel comune o estenderlo ai residenti nella provincia, o a chi comunque vi svolga la sua attività, o a chiunque lo richieda.

Se dunque intendete accedere a una biblioteca per la quale potreste non avere i requisiti, conviene informarci preventivamente sulla possibilità di essere ammessi, a quali condizioni e per quali servizi. E’ importante comunque comprendere che le eventuali limitazioni sono giustificate dalla volontà non tanto di escludere qualcuno, quanto di servire meglio e più efficacemente un pubblico specifico, istituzionalmente individuato all’interno di un territorio, di un corso di studi, di una fascia d’età o altro.

biblio06b2.gif (159 byte)

Procedure di ingresso

Nelle biblioteche comunali il semplice ingresso non è generalmente soggetto a particolari controlli: il lettore entra liberamente senza alcuna procedura di riconoscimento, che si renderà eventualmente necessaria solo al momento delle richiesta di specifici servizi, come il prestito. Altre biblioteche invece rilasciano, su presentazione di un documento e compilazione di apposita richiesta, una propria tessera da esibire all’ingresso e a volte da utilizzare anche per servizi diversi. Per alcune biblioteche la tessera è sostituita da un altro documento che attesta il diritto all’ingresso (per esempio il tesserino universitario). Il controllo della tessera o del documento d’ingresso può anche essere effettuato automaticamente, ma all’entrata di ogni biblioteca troverete comunque un addetto che vi fornirà ogni indicazione necessaria.

biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b.gif (198 byte)
biblio062.gif (157 byte)
biblio062.gif (157 byte)biblio06.gif (198 byte) Trattamento dei dati personali (Legge 675/96)

I dati personali che vi saranno richiesti per il rilascio della tessera o per altri servizi saranno utilizzati esclusivamente a fini gestionali interni, per l’elaborazione di statistiche, la valutazione dei servizi e il loro miglioramento in rapporto ad una più precisa conoscenza del pubblico.

biblio06b2.gif (159 byte)

Qualche utile avvertenza generale

Entrando in biblioteca vi sarà probabilmente chiesto di depositare cappotti, borse e  oggetti ingombranti; si tratta di una semplice misura basata su motivi di sicurezza e praticità alla quale conviene essere preparati, magari attrezzandosi se possibile solo con lo stretto necessario (carta, penna, fazzoletto e portafoglio).
Se utilizzate il computer portatile, accertatevi che la biblioteca metta a disposizione delle postazioni di lavoro con prese elettriche (se non volete scaricare le batterie).
Certamente sapete poi che in biblioteca si parla a bassa voce e si limitano le conversazioni;  non dimenticate però di abbassare anche il livello audio del computer e di spegnere il telefono cellulare.
Fate infine comunque riferimento al regolamento della singola biblioteca che vi trovate a frequentare, dove troverete ogni altra specifica indicazione  per garantirne a voi e agli altri il migliore uso.

biblio06b2.gif (159 byte)biblio06b.gif (198 byte)

torna all'indice