Casa Vio
La facciata principale dell’edificio è caratterizzata da una decorazione a finti mattoni bianchi e rossi disposti a rombi con croci inserite, ispirata a quella marmorea del Palazzo Ducale di Venezia, secondo un gusto quattrocentesco che perdura in area trevigiana fino agli inizi del secolo XVI. Interessanti affreschi sono poi all’interno del portico di facciata, dove una partitura architettonica dipinta alterna specchi a finto marmo ad elementi tesi a creare illusionisticamente un porticato entro cui si situano figure di santi ed il leone di San Marco. Il soggetto religioso degli affreschi e la particolare struttura del complesso edilizio, che non può essere classificato né come dimora patrizia né come casa rurale, fanno pensare che in origine l’edificio fosse una "foresteria-rustico" di qualche ordine monastico.
[ close the file ]