Adria,
Museo Archeologico
Fu importante centro commerciale fra il IV e il V sec. a.C. tanto che i Greci chiamarono Adriatico il mare in cui navigavano per raggiungere la città, terminale della "via dell’ambra" che partiva dall’Europa settentrionale. Successivamente Adria fu sede di colonie etrusche e galle e, infine, romane (II sec. a.C.). Nei secoli successivi interventi dell’uomo distrussero quel poco che gravi calamità naturali avevano risparmiato della città antica, così che oggi le testimonianze di quello straordinario passato possono essere osservate solo nel Museo Archeologico Nazionale. Nell’edificio appositamente costruito nel 1961 si trovano importanti reperti che vanno dalle ceramiche dipinte ai tipici "bronzetti", dai monili d’oro e ambra ai preziosi recipienti di vetro colorato, dalla singolarissima "biga del lucumone" al "militare" della via Popillia.
Da Chioggia, S.S. Romea in direzione Ravenna, indicazioni per Adria ( 32 km ca.)
Da Venezia, S.S .309 Romea in direzione Chioggia, indicazioni per Adria (66 km ca.)
[ chiudi la scheda ]   [ alla tappa successiva ]