Mira

Si pensa che il nome Mira derivi dal latino "mira" che significa belvedere.
Queste localitÓ ebbero un notevole sviluppo socio-economico per la presenza del corso d’acqua, il Brenta segn˛ infatti la linea di demarcazione fra i possedimenti veneziani e padovani, finchŔ la Serenissima, agli inizi del sec. XV, consolid˛ definitivamente il suo dominio su tutto il territorio. L’area Ŕ caratterizzata da dolci paesaggi fluviali lungo i quali i patrizi veneziani costruirono nel Sei-Settecento le loro case di villeggiatura che raggiungevano risalendo la via d’acqua. Sulla riva sinistra incontriamo Villa Franceschi, con ampio parco che risale al tardo ‘500. Segue la Villa Pio, del tardo ‘600 che conserva un soffitto attribuito a Nicol˛ Bambini; la villa oggi ospita l’A.P.T. e altre associazioni.
La Chiesa di Mira, sulla riva sinistra, presenta tipici caratteri neogotici. Una vecchia chiesa esistente a Mira venne demolita all’inizio del sec. XIV. Nel 1487 veniva autorizzata la costruzione della nuova chiesa che cominci˛ ad essere innalzata l’anno successivo su progetto del muratore Elio da Como e del falegname Alegreto da Padova. L’attuale edificio conserva molte strutture della chiesa quattrocentesca. All’interno un S. Antonio con Bambin Ges¨ di Gregorio Lazzarini. Forse di Elisabetta, figlia del Lazzarini, gli affreschi del presbiterio, che spesso invece vengono attribuiti al maestro. Di ambito piazzettesco infine una deposizione e una crocifissione.
Dopo la chiesa, sulla riva sinistra, sorge
Palazzo Contarini detto dei Leoni ora sede della Biblioteca comunale.
Sulla riva destra dell’ameno corso d’acqua svettano le imponenti architetture della Mira Lanza, nel luogo un tempo occupato dalla Villa Contarini che era stata innalzata dal Longhena. Delle vecchie adiacenze rimane solo l’edificio secentesco posto tra lo stabilimento e la cinta esterna.
Sempre sulla riva destra si incontra Villa Bon al cui interno si trovano le "allegorie delle stagioni" di accento tiepolesco e affreschi neoclassici.
Seguono la Villa Foscarini, Villa Alessandri e la
Villa Venier.
In localitÓ Mira Porte si incontra, lungo la riva sinistra, il Casino Moscheni e sulla destra, davanti alla Villa Widmann, le barchesse della
Villa Valmarana.



[ alla biblioteca ]